_Graffi_Anceschi

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA DIPARTIMENTO ARTI VISIVE

SCUOLA DI GRAFICA D’ARTE

transizioni arte__poesia

_Graffi_Anceschi

ARTE (E POESIA) GENERATIVA l’esperienza de ”Il Verri ”

martedì 3 aprile ore 11.00

Accademia di Brera, sala napoleonica

Nell’ambito del laboratorio transizioni arte__poesia 2012, a cura del poeta Italo Testa e dei docenti Paolo Di Vita, Chiara Giorgetti, Rosanna Guida, Margherita Labbe e Anna Mariani, martedì 3 aprile saranno ospiti dell’Accademia di Brera Milli Graffi e Giovanni Anceschi, per una testimonianza e ricognizione storica sulla rivista il Verri.

Rivista letteraria trimestrale fondata a Milano nel 1956 da Luciano Anceschi, che ne fu il primo direttore, annoverava tra i suoi collaboratori Nanni Balestrini, Antonio Porta, Giuseppe Pontiggia e altri giovani intellettuali che erano soliti incontrarsi al caffè “Verri” a Milano.

Il progetto della rivista, che è stata negli anni Sessanta-Settanta ben più importante di quanto non indichi la tradizionale definizione de “Il Verri” come di una rivista della neoavanguardia, voleva analizzare con razionalismo critico ogni aspetto della realtà e pertanto oltre alla letteratura vera e propria essa dava grande importanza al rapporto tra uomo e tecnica e all’evoluzione della scienza, aprendosi alla cultura europea, in particolare alle nuove ricerche fenomenologihe, psicanalitiche e strutturaliste. Nelle pagine del periodico, furono pubblicati testi, saggi, interventi quasi sempre caratterizzati dallo sforzo di aggiornamento sui dibattiti e sulle nuove direzioni di ricerca, non solo italiane, nei campi più diversi, dalla letteratura all’arte, dalla filosofia alla linguistica. Alla rivista collaborarono, tra gli altri, Edoardo Sanguineti, Elio Pagliarani, Alfredo Giuliani, Antonio Porta e Nanni Balestrini, i cinque poeti rappresentati nell’antologia I Novissimi. Poesie per gli anni ‘60 uscita nel 1961, che formarono nel 1963 il primo nucleo della neoavangardia (Gruppo 63). Attualmente la rivista è diretta dalla poetessa, traduttrice e critica letteraria Milli Graffi. Del Verri, Luciano Anceschi ripeteva che non era solo una rivista di letteratura ma “un sistema di riviste in grado di generarne molte altre”.

Milli Graffi è nata a Milano nel 1940. Negli anni Sessanta partecipa ai maggiori festival europei di poesia sonora; tra le composizioni pubblicate: Salnitro; Farfalla ronzar; Tralci. Ha partecipato al movimento di “poesia totale” (con la rivista “Tam Tam”), a festival internazionali con composizioni di poesia sonora e continua a pubblicare interventi critici sui poeti compagni di strada. è stata professore a contratto presso l’Università di Verona e l’Accademia Carrara di Bergamo. Dirige “Il Verri”. Di poesia, ha pubblicato: Mille graffi e venti poesie (Geiger, 1979); Fragili Film (Nuovi Autori, 1987); L’amore meccanico (Anterem, 1994); Embargo voice (Bibliopolis, 2006). Come critico militante indaga sulle ragioni della poesia dei compagni di strada: Balestrini, Sanguineti, Spatola, Niccolai, Porta, Tom Raworth, Scialoja, Beltrametti, Castaldi, Rosmarie Waldrop, Barbara Guest. Studi anche sul nonsense, sul comico e sui limerick di Edward Lear, sulle poesie di Palazzeschi, su Marinetti, su Petrolini, su Dario Fo e su Lewis Carroll, di cui ha tradotto Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio (Garzanti, 1989) e La caccia allo Snualo (Studio Tesi, 1985).

Giovanni Anceschi, nato a Milano nel1939, a partire dagli anni Sessanta ha sviluppato la sua attività in molti ambiti. Come artista, è stato fra i fondatori del movimento dell’Arte cinetica e programmata. è tra i fondatori del Gruppo T protagonista del Movimento internazionale dell’Arte cinetica e programmata (con Bruno Munari, Guppo MID, Gruppo ENNE ecc.), e delle Nouvelles Tendences, esponendo alla Minami Gallery di Tokyo, alla Biennalle di Venezia, al Moma di New York, ecc. Come designer ha sviluppato in Italia e all’estero, grandi progetti d’immagine coordinata, d’exhibition design, e alcuni esempi pionieristici di multimedia, hypermedia e interaction design. Teorico della progettazione, ha insegnato Basic Design a Ulm (HFG) e a Roma (ISIA), Teorie del progetto di comunicazione visiva a Venezia (IUAV), Sistemi grafici e Teoria delle forme a Bologna (DAMS). Figlio di Luciano Anceschi, fondatore de il Verri, ne ha disegnato la più recente veste grafica. Tra le sue opere cinetiche importanti: “Tavola di possibilità liquide”, “Ambiente a shock luminosi”, “Ambiente per un test di estetica sperimentale” con Davide Boriani, presentato per la prima volta a Zagabria, nel 1965, per la mostra Nova Tendencija 3.

Ingresso libero

info: daverso.brera@gmail.com

Questa voce è stata pubblicata in Calendario incontri e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...